Melo

Locali – Pom dea Rosa, Caiman, Ferretti, Pomello di Soligo, Papadopoli, S. Anna , S. Piero Rosso, Pom Ruden, Durello Susegana, Dea Rosetta, Decio.

Antiche – Renetta Canada, Renetta Champagne Rosa, Renetta Carmelitani,  Renetta Grigia, Renetta Ananas, Parmena Dorata, Verdone, Aranciata Cox, Astracan, Carpendola Dorata, Cavilla Rossa d’inverno,  Bella di Boskoop, Belmaggio.

Moderne – Golden, Starking, Fuji, Gala, Imperatore, Granny Smith, Stark Delicius.

Moderne resistenti alle malattie –  Golden, Enova, Florina.

Il melo (Malus domestica Borkh., 1803) è una pianta da frutto appartenente alla famiglia delle Rosaceae. È una delle più diffuse piante da frutto coltivate.

Descrizione

Il melo è un piccolo albero deciduo di 5-12 metri di altezza, con una chioma densa ed espansa e apparato radicale superficiale.

Le foglie sono alterne e semplici, a lamina ovale, leggermente seghettate, con apice acuto e base arrotondata, di 5-12 centimetri di lunghezza e 3–6 cm di larghezza, glabre superiormente e con una certa tomentosità sulla pagina inferiore. Il picciolo è lungo 2–5 cm.

I fiori sono ermafroditi di colore bianco-rosato esternamente e bianco internamente, a simmetria pentamera. Hanno una corolla composta da 5 petali e sono larghi 2,5-3,5 cm e ovario infero. Sono riuniti in infiorescenze a corimbo, in numero di 3-7. La fioritura si svolge in primavera, simultaneamente al germogliamento. L’impollinazione è entomofila.

Il frutto, detto pomo o mela comunemente, si forma per accrescimento del ricettacolo fiorale insieme all’ovario ed è perciò un falso frutto; ha forma globosa, generalmente di 5–9 cm di diametro, prima verde e a maturazione, estivo-autunnale, con colore variabile dal giallo-verde al rosso. Il frutto vero, derivato dall’accrescimento dell’ovario è in realtà costituito dal torsolo, di consistenza più coriacea rispetto alla polpa.

Il pericarpo contiene cinque carpelli disposti come una stella a cinque punte; ogni carpello contiene da uno a tre semi.

Rif. https://it.wikipedia.org/wiki/Malus_domestica

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *